Il test per scoprire quanti schiavi possiedi nel mondo

Consumi e diritti

Quanti schiavi possiedi? La domanda non è una riproposizione dei dialoghi tra ricchi aristocratici ateniesi, o dei proprietari terrieri americani dell’800. Vale ancora oggi e vale per tutti. Come ricorda l’organizzazione non-profit californiana Slavery Footprint, che si propone di combattere il traffico di esseri umani e la schiavitù di questi giorni, basta consumare cibi e indossare vestiti particolari per mettere in moto un macchinario che si fonda, di solito in paesi lontani da quelli del consumatore e con norme diverse (e con scarsa attenzione ai diritti umani), sullo sfruttamento degli esseri umani.

Ci siamo dentro tutti, nessuno escluso, ma in misura diversa a seconda dei consumi. Questo test, che ha avuto anche alcune contestazioni per l’inaccuratezza dei dati, spiegherebbe in quale modo il nostro stile di vita abbia un impatto negativo sulle condizioni di vita e di lavoro di altre persone, costrette a lavorare a ritmi e con modi schiavistici. Forse non è tutto vero. Forse le cose sono più complesse, meno immediate. Ma di sicuro permette a tutti di farsi un’idea.

Clicca qui per visitare il sito.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta