Istruzioni per riconoscere chi sta mentendo

Istruzioni per riconoscere chi sta mentendo

Uno dei classici di ogni tempo, proposto da Business Insider in questo video semplice ma dalla musica accattivante. Come si scopre chi sta mentendo?

Le bugie sono una parte fondamentale della vita di ogni giorno, imparare a dirle è, per chi cresce, un momento di svolta e di presa di posizione della propria intelligenza. Da adulti, però, la cosa può diventare pericolosa, soprattutto in ambito lavorativo, dove si condividono i rischi e le responsabilità. Capire chi non dice la verità è importante, e non basta il buon senso.

Il video si concentra sui segnali indicatori più noti: dal punto di vista fisico, i principali sono il sudore e l’agitazione, che si manifesta nel giochicchiare con gli oggetti. Sono segni di nervosismo, e si diventa nervosi quando si dicono bugie. Anche la voce, uno degli strumenti di comunicazione meno controllati in genere, è spesso rivelatrice: se mostra picchi improvvisi può indicare un mentitore. Infine, gli occhi: il contatto visivo viene spesso evitato da chi sta mentendo (e lo sappiamo tutti: “guardami in faccia” è uno dei tipici richiami alla sincerità), e spesso mostra per la tensione una pupilla più dilatata del solito (certo, a meno che si sia al buio…)

Il profilo psicologico non finisce qui: chi mente, dice il video, non è cooperativo, non si fa carico di responsabilità, aumenta il grado di negatività del posto in cui vive. C’è da dire che sono tutti particolari che riguardano i mentitori occasionali, incapaci. Noi tutti conosciamo stirpi intere di mentitori professionisti, che di queste cose si fanno un baffo.

Qui, comunque, il video (in inglese).

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta