Rassegna stampa seralePressnews, i fatti di giovedì 17 aprile

Pressnews, i fatti di giovedì 17 aprile

Il meglio dei giornali stranieri sui fatti di oggi nel mondo

  giovedì 17 aprile

UCRAINA

Raggiunto l’accordo a Ginevra. I principali punti: tutti i Paesi coinvolti nella crisi devono astenersi dall’uso della forza; tutti i gruppi armati illegali devono essere disarmati; tutti i palazzi occupati illegalmente devono essere liberati; tutti i posti pubblici illegalmente occupati devono essere evacuati; amnestia per i manifestanti.Guardian. 

Vladimir Putin: «Spero tanto di non dove usare il diritto concessomi dal parlamento di impiegare la forza in Ucraina». E aggiunge «nessuno di noi deve aver paura» dell’espansione della Nato a Est perché la Russia «risponderà per garantire la propria sicurezza», anche se «si rischia una corsa agli armamenti». Putin afferma il diritto di usare la forza in Est Ucraina, titola il New York Times.

Kiev vieta l’entrata nel Paese a tutti i russi maschi di età compresa tra i 16 e i 60 anni. Reuters.

Migliaia di studenti e insegnanti hanno manifestato a favore dell’unità dell’Ucraina a Lugansk, città dell’est del Paese in cui gli insorti filorussi occupano la sede dei servizi segreti.

QUESTIONE CRIMEA

Putin ammette: «Truppe russe sono entrate in Crimea anche prima del referendum del 16 marzo». Lo afferma durante una direct-line sulla tv russa. Washington Post
Ma nega che truppe russe siano ora nell’Est ucraino. Al Jazeera

LA DIRECT-LINE DI PUTIN

Durante la stessa sessione di domande e risposte, interviene anche Edward Snowden che chiede a Putin se anche la Russia ha intercettato le comunicazioni di milioni di cittadini. «Mai fatto su larga scala», risponde il Presidente. Reuters

Putin invia un messaggio all’Occidente, titola il Financial Times. Vladimir Putin lancia un chiaro ma cauto messaggio all’America e all’Europa dicendo che la Russia scenderà in campo contro l’Occidente ma senza isolarsi dal resto del mondo.

ALGERIA

Elezioni presidenziali oggi in Algeria. Dispiegati più di 260.000 poliziotti per proteggere i 50.000 seggi elettorali che si sono aperti nel Paese più grande del continente africano. Al Jazeera.

Tutti i sondaggi considerano Abdelaziz Bouteflika, attuale presidente della Repubblica algerina come candidato favorito, che otterrebbe un quarto mandato consecutivo.The old man won’t go away, titola l’Economist.

«Bouteflika è nei fatti un “fantoccio” dietro al quale si nasconde il “sistema” che domina il paese dall’indipendenza»: l’analisi dell’Ispi sul voto e il dossier dedicato al Paese. 

CINA

Primo blogger condannato. Qin Zhihui, 30 anni, impiegato di una società informatica, è la prima persona a subire una condanna penale per la sua attività di «blogger». È accusato di aver diffuso notizie false su Internet. South China Morning Post.

SUPERGIOVEDÌ INDIANO

Più di 150 milioni di indiani si sono recati oggi alle urne per eleggere il nuovo premier indiano. Iniziate il 7 aprile, le elezioni continueranno fino al 12 maggio. Guardian

LETTURE SERALI

A Berlino una ragazza di 26 anni inventa l’App per prenotare prostitute. Thelocal.de

Negli Usa arrivano i semi «open source», ispirati all’esempio del software «open source»: l’uso dei semi non può essere limitato da brevetti, licenze o altro tipo di proprietà intellettuale, anzi, ogni varietà derivata dai semi «open source» dovrà poter essere liberamente scambiata anche in futuro. The grower

La Nasa annuncia la scoperta di un nuovo pianeta: è grande quanto la Terra e sarebbe abitabile. Sciencemag

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Studenti 60€
Amici 120€
Sostenitori 600€
Benefattori 1200€
Maggiori Informazioni