Cosa c’è di bello l’anno prossimo in tv?

Cosa c'è di bello l'anno prossimo in tv?

Settimana di decisioni per l’industria televisiva americana, settimana di grandi attese per gli amanti di serie TV. Perché da domenica scorsa gli occhi di tutto il mondo sono puntati su New York, dove sono attualmente in corso gli upfront, ovvero la presentazione ufficiale dei palinsesti della prossima stagione da parte delle grandi reti statunitensi. Ha dato il via libera NBC, presentando domenica la scaletta futura, seguita da FOX (lunedì) e ABC (oggi) e tra domani e dopodomani toccherà a CBS e a The CW. Sebbene non tutti i programmi siano ancora ufficiali, ormai le grandi novità dei canali sono trapelate. Tanti nuovi show (conseguenza di tante cancellazioni di serie in corso – qui potete vedere cosa è stato rinnovato e cosa no), tante nuove emozioni. Ma nel mare magnum di nuovi titoli non è facile orientarsi: ecco dunque un piccolo riassunto delle novità più interessanti della stagione 2014-2015, di tutto quello a cui bisognerebbe dare, per lo meno, una chance.

Per NBC la vera rivelazione, sulla carta, si preannuncia solo una: Constantine, rivisitazione del fumetto Hellblazer realizzato da Dc/Vertigo Comics da cui è stato tratto un film, nel 2005, interpretato da Keanu Reeves.

In scena un mix di horror e crime story con elementi surreali, che mira ad aprire le porte su una dimensione malvagia e mostruosa, con la speranza di attirare quel pubblico che ama le emozioni forti e disdegna i drama poveri di adrenalina. Le altre news, invece, puntano quasi esclusivamente sulla presenza di nomi noti agli appassionati seriali: Katherine Heigl (Grey’s Anatomy) tornerà in TV nelle vesti di un’agente della Cia con State of Affairs; Christin Miloti (How I Met Your Mother) incontrerà il suo “nuovo” Ted nella commedia romantica A to Z e Krysten Ritter (Don’t Trust the B**** in Apt 23) si trasporterà negli anni Sessanta per interpretare una astronauta sessista nella comedy Mission Control. Ruoli ironici anche per la bella Kate Walsh (Private Practice) in Bad Judge e Debra Messing ( Will&Grace) in The Mysteries of Laura.

Più vario, invece, il palinsesto di Fox, che tira fuori per l’occasione non pochi conigli dal cilindro. Primo: Gotham. Sporca, corrotta, violenta (pur nei limiti previsti da una rete generalista), la città dei peccati è una fonte continua di attrazione, nonostante i moltissimi adattamenti nel corso degli anni. Basta il nome per attirare l’attenzione: del resto a una serie su Batman chi osa dire di no?

 https://www.youtube.com/embed/0d1zpt6k5OI/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

Tra gli altri titoli ce ne sono quattro degni di nota, per ragioni diverse: si parte con The Last Man on Earth, una comedy onirica su un ipotetico ultimo uomo rimasto sulla Terra. La possibilità che sfoci in una fesseria è alta, tuttavia la curiosità paga. Seguono due drama, Hieroglyph e Wayward Pines: il primo trasuda trash da tutti i pori, con intrighi di corte, faraoni, tradimenti e la giusta dose di sesso; il secondo invece è un thriller adrenalinico ambientato in una cittadina dall’apparenza perfetta con protagonista Matt Dillon. Da non dimenticare anche Empire, che strizza l’occhio a Nashville ma sostituisce il familiare ambiente country con il frenetico mood dei cantanti hip-hop.

Nota a margine: su Fox, il prossimo anno, arriverà anche Red Band Society, remake americano di Polseres Vermelles, da cui in Italia è stata tratta e trasmessa con successo Braccialetti Rossi. Nota a margine numero 2: nel calendario di Fox c’è anche Gracepoint, a stelle e strisce dell’inglese Broadchurch, con un finale diverso, come hanno tenuto a specificare i produttori.

In casa ABC, invece, si punta su temi di attualità: sulle differenze razziali si basano sia il legal American Crime (con Felicity Huffman come protagonista, eterna Lynette Scavo di Desperate Housewives) sia la comedy Black-ish. Occhi puntati anche su Selfie (prodotta dall’autrice di Suburgatory) che ironizza sulla fiera della vanità dettata dai social network. I fedeli di Shonda Rhimes, infine, saranno contenti: How to Get Away With Murder è il suo nuovo drama.

CBS che fino a settimana scorsa aveva fatto credere che lo spin-off di How I Met Your Mother fosse cosa conclusa, sembra aver fatto un passo indietro: solo domani si saprà se How I Met Your Dad vedrà la luce. Tra le curiosità più interessanti che i rumors, per il momento, danno per certo, ci sono una serie ancora senza titolo ambientata nelle retrovie di Wall Street e prodotta da John Cusack; e gli spin-off di CSI e di NCSI (quest’ultimo ambientato a New Orleans), chicche per i fanatici del genere.

Chiuderà gli upfront The CW: la Rete, noto punto di riferimento per gli adolescenti, sfoggia tra le sue punte di diamante la realizzazione di The Flash, ispirata all’omonimo personaggio dei fumetti, la macabra iZombie e la misteriosa The Messengers, che sembra destinata ad attirare il pubblico che quest’anno ha apprezzato The 100.

Niente palla di cristallo. Se siano successi o flop è ancora presto per dirlo perché spesso serie osannate sulla carta si rivelano poco solide (si legga Touch, The River, Terra Nova, solo per citarne alcune). Tuttavia in un ventaglio così ampio sembra quasi impossibile non trovare una nuova dipendenza. Per la felicità degli addicted.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta