Il paradosso del Pil “stupefacente”

Il paradosso del Pil “stupefacente”

Massì, facciamolo il Pil stupefacente: mettiamoci la prostituzione, la droga, e mettiamoci Gomorra, e freghiamoli tutti. Per un attimo quando leggo che questa riparametrazione viene seriamente presa in considerazione dai media, e attribuita all’Europa, provo un piacere sottile. Prima di tutto non è del tutto vero che ci sia un cambio di marcia così radicale: ma in ogni caso è interessante analizzare il paradosso, provare l’idea che con l’aggiunta del Pil in nero potremmo sorpassare tutti, sbaragliare i tedeschi, fare arricciare il naso persino ai saputelli rigoristi olandesi, mortificare la sempiterna grandeur francese. Per un attimo mi emoziono, leggo e soppeso le ragioni di chi dice, con spirito econometrico: è pur sempre un enorme volume di denaro che viene mosso in Italia, e se le prostitute sono nel prodotto interno della Germania e pagano le tasse, se sono nel prodotto interno dell’Olanda, perché non dovrebbero essere anche in quello dell’Italia?  

La notizia, in realtà è una forzatura: non cambiano i meccanismi di computo, vengono solo armonizzati e bilanciati diversamente. Il problema è che questo dibattito mi fa pensare ad il vecchio e slogan delle colonie americane che si ribellavano all’Inghilterra: “No taxation without representation”. Volevano dire, gli indipendentisti, che non si poteva pagare le tasse senza ottenere il diritto di voto. Io adesso vorrei forzare i confini della lingua per dire che si può impostare una nuova equazione in questi termini, ribaltando quello slogan in modo perfettamente speculare: non si dovrebbe essere rappresentanti nella nazione, e nemmeno nel suo bilancio, nemmeno nel Pil se non si partecipa al pagamento delle imposte. Se volete le prostitute nel Pil, insomma, permettetegli almeno di pagare le tasse.

Le newsletter
de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter