Quando la barba non era una moda ma un rimedio medico

Quando la barba non era una moda ma un rimedio medico

Se non ne potete più della moda hipster della barba, non possiamo che essere solidali con voi. Ma sappiate che, tanto tempo fa, le cose sono andate anche peggio. Nell’Inghilterra di metà 800 si abbandonò il viso tanto ben rasato in favore di lunghe barbe, per intenderci, alla Dickens, o  alla Darwin o alla Marx (sì, perché Marx visse a lungo e morì a Londra) per motivi non di moda, ma di salute, come spiega lo Smithsonian.

La cosa può sembrare abbastanza buffa: in cosa la barba potrebbe essere una difesa salutare? Come racconta sul suo blog lo storico della medicina Alun Withney, i medici dell’epoca consideravano la barba un ottimo filtro per difendersi dalle impurità dell’aria. All’epoca della prima industrializzazione la qualità si era abbassata in modo brusco e inaspettato, e i rimedi scarseggiavano. Non solo: era vista anche come un mezzo per rilassare la gola, ottima per chi doveva tenere discorsi in pubblico. Aiutava, sempre secondo le loro astruse idee, a prevenire il mal di gola.

Immagine tratta da Flickr, di Hallo I am Bruce

Le conoscenze mediche, come si è potuto capire, all’epoca erano poco sviluppate. In particolare la teoria dei germi doveva ancora diffondersi. L’inquinamento da carbone invece era molto presente, la nebbia era già smog, e la paura per la salubrità dell’aria un allarme molto forte.

Certo, resta sempre vero che la barba, dal punto di vista medico, non è una cura in nessun modo, anzi: spesso è un rischio. Ma questo gli hipster, ne deduciamo, non lo sanno.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020