Il mistero del volo degli stormi in cielo

Il mistero del volo degli stormi in cielo

Si sa che una rondine non fa primavera, ma uno storno? Di sicuro uno stormo di storni qualcosa significa. Di sicuro, quello che fa è sempre stato considerato misterioso e straordinario: come riescono a volare insieme, coordinarsi e macinare chilometri?

È una cosa che viene ancora studiata, ma forse una spiegazione c’è, elaborata da alcuni scienziati americani. Secondo Daniel Pearce, ci sono tre regole: 1) lo storno fa quello che fa il vicino; 2) devono mantenere nella visuale un equilibrio di luce e oscurità, e questo è importante: impedisce allo stormo di implodere o, al contrario, di disperdersi. La terza regola, 3) è che anche gli uccelli possono sbagliare.

 https://www.youtube.com/embed/QPZbedm_fBA/?rel=0&enablejsapi=1&autoplay=0&hl=it-IT 

(Se non si visualizza il video, cliccate qui)

Tutto il lavoro di Pearce è stabilire lo schema di interazione tra chiaro e scuro, ed è il risultato delle sue ricerche sul campo presentate nel filmato. Certo, questo aiuta a capire come facciano a volare in stormi. Poi, sul perché, non lo sa ancora nessuno.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta