Musica per computer e racchetta da tennis

Musica per computer e racchetta da tennis

James Murphy è un produttore musicale statunitense e leader dell’ex gruppo di musica elettronica LCD Soundsystem. Dallo scorso 25 agosto all’8 settembre ha lavorato a un progetto piuttosto bizzarro sviluppato collaborazione con IBM: fare musica a partire dai dati delle partite di tennis dei recenti US Open.

Patrick Gunderson, uno sviluppatore che si occupa di arte generativa, ha lavorato con Murphy per scrivere un algoritmo che trasforma tutti i dati di una partita di tennis in suoni. Così, ogni punto, ogni ace, ogni vantaggio, ogni fallo e persino la velocità a cui viaggia la pallina vengono usati per creare musica. «Ciò che crea la musica è l’algoritmo», spiega Murphy in video in cui presenta il progetto, «non sono io. Io non sto scrivendo la musica, io sto creando delle probabilità per la musica».

In totale, l’algoritmo, Gunderson e Murphy hanno generato oltre 400 ore di musica, elaborando ogni singolo set di tutti gli incontri degli US Open. Questa, ad esempio, è la canzone creata a partire dalla finale maschile tra finale maschile tra Kei Nishikori e Marin Cilic e quest’altra quella della finale femminile tra Caroline Wozniacki e Serena Williams.

Il lavoro di Murphy, però, è appena iniziato. Ora che il computer ha fatto il suo lavoro, tocca all’umano selezionare, e sintetizzare. Nei prossimi giorni, 14 remix dei migliori match degli US Open verranno pubblicati su SoundCloud. Due sono già online e li potete sentire qui sotto.