Altro che Ebola: la mappa della tubercolosi nel mondo

Altro che Ebola: la mappa della tubercolosi nel mondo

Lo hanno già detto tutti: l’Ebola è un pericolo, ma non bisogna perdere la testa. Soprattutto, non si devono sottovalutare altre malattie, molto più pericolose ma meno di moda. Anche LinkPop si accoda a questa raccomandazione e sceglie, dal mazzo, la tubercolosi. Un tempo era il male dei poeti, dei bohémienne. Ora è curabile, è prevenibile, almeno nei Paesi occidentali. Ma al momento è la causa, nel mondo di circa un milione e mezzo di morti (dati 2013).

Come sempre, la questione è geografica: lo mostra bene questa mappa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (che si può vedere ingrandita qui) che accompagna il report sulla tubercolosi nel mondo. Le zone con i colori più scuri sono quelle in cui la situazione è più grave.

Clicca qui per vedere la mappa completa

Dal 1990 il tasso di mortalità per tubercolosi, in realtà, è crollato del 45%. Che è una buona notizia.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta