Guida al sesso per la donna dell’epoca vittoriana

Guida al sesso per la donna dell’epoca vittoriana

C’è confusione sotto il cielo del sesso. E non è una bella notizia. Anche oggi, quando se ne parla, il rischio di mescolare verità scientifiche a leggende urbane è molto alto. Colpa di una pruderie mai morta che impedisce di accostarsi con tranquillità alla questione. E colpa anche di tutte le implicazioni, le insicurezze, i dubbi che l’argomento solleva.

Sappiate che è sempre stato così. Anzi, ci sono stati periodi in cui le cose andavano anche peggio. Nell’Inghilterra vittoriana, ad esempio. Come si spiega qui, le abitudini sessuali dell’epoca erano piuttosto strane – ma sulla cosa non vogliamo in nessun modo ficcare il naso. Sulle convinzioni che riguardavano l’argomento sesso, invece, qualche riga merita di essere scritta.

Il legame tra orgasmo e sesso del nascituro
Ne era convinto Eugène Becklard, fisiologo francese e autore di un celebre (allora) trattato sulla sessualità e sulla fertilità. Il best-seller si intitolava “La Fisiologia di Becklard: misteri fisiologici e rivelazioni su amore, corteggiamento e matrimonio. Una guida infallibile per celibi e coniugati su questioni di estrema importanza per la razza umana”. Tra le pagine di questo agile volumetto c’è una teoria curiosa su come si determina il sesso del nascituro: dipende da chi, della coppia, sente l’orgasmo più forte al momento del concepimento. A volte è l’uomo, a volte è la donna. E questo sostanziale equilibrio si riflette nelle nascite. Sarà.
 

Volete evitare di restare incinte? Basta ballare, o andare a cavallo
Per evitare gravidanze indesiderate la soluzione era molto più semplice di quanto pensassimo: bastava, sempre secondo Becklard, che subito dopo l’atto la donna “danzasse per la stanza, prima di andare a dormire, per qualche minuto”. Un suggerimento contrario a ogni logica. E a ogni realtà. In ogni caso, se la danza non bastasse, è consigliabile “andare a cavallo, in velocità, su una strada non piana, il giorno successivo”. Ancora meglio.

Se invece li volete, mai starnutire
La moglie che voleva (o doveva) concepire, invece, era costretta a seguire un protocollo molto rigido. Dopo il rapporto, la massima immobilità era fondamentale: non poteva parlare, tossire, starnutire. Tutto ciò poteva impedire il concepimento.
 

In ogni caso, il sesso tra coniugi non stava bene
Sono molte le pagine che raccomandano di evitare, il più possibile, i rapporti con il marito. Ruth Smythers scrisse “Istruzioni e consigli per la giovane sposina per la condotta e la disciplina nella relazione intima e personale del matrimonio per la grande santità spirituale di questo benedetto sacramento e la gloria di Dio”, un manuale pieno di idee. La donna, dice Smythers, deve “concedersi poco, raramente e soprattutto, di malavoglia”. Sembra una barzelletta. Ma non è così: il matrimonio, altrimenti, diventa “un’orgia”. E allora si deve “fingere malanni, sonno e mal di testa: i migliori amici della donna”. Se no, è bene “litigare, sgridare, lamentarsi. Almeno un’ora prima di quando il marito, di solito, desidera svolgere i propri doveri coniugali”.
 

Per combattere la masturbazione tra i giovani, ecco i Corn Flakes
Forse non lo sapevate, ma J. H Kellogg ha inventato la sua notissima marca di cereali per combattere quella che veniva considerata una delle piaghe dell’epoca: la masturbazione dei giovani. Il legame tra le due cose è quantomeno peregrino, ma all’epoca sembrava ovvio. Almeno, per chi, come Kellogg, Le colazioni sostanziose che venivano somministrate ai giovani, fatte di pancetta e uova, erano troppo energiche. I giovani diventavano iper-eccitati e sentivano, di conseguenza, la necessità di masturbarsi. Una convinzione folle. Per questo motivo la dieta doveva essere insapore: con i cereali avrebbe eliminato gli appetiti sessuali e calmato i giovani, liberandoli dal male.  

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter