La finanza difficile pesa sulla fiducia delle imprese

La finanza difficile pesa sulla fiducia delle imprese

I dati freschi dall’Istat confermano la difficoltà di vedere luci in fondo al lunghissimo tunnel dell’economia italiana. Un passetto avanti, un passetto indietro, siamo sempre piuttosto fermi e sotto zona 100.  Confermano che gli imprenditori della manifattura vedono qualche spiraglio in più rispetto alle imprese di servizi e che il Nord sta parecchio meglio del Centro-Sud.

fonte: Istat. Per guardare il grafico ingrandito cliccare qui

Nel settore dei servizi di mercato (escludendo quindi il commercio) la situazione rimane difficile con valori di fiducia e aspettative ancora troppo deboli.

fonte: Istat. Per guardare il grafico ingrandito cliccare qui

Quanto ai problemi segnalati la finanza occupa il suo spazio, certamente minoritario rispetto alla mancanza di ordini e domanda, però colpisce il fatto che nel periodo 2009-2014, durante lo svolgimento della crisi, mentre la percentuale di imprese manifatturiere che segnalano problemi di domanda si è dimezzata (si sono adattate a una domanda strutturalmente più debole), la percentuale di imprese che segnalano tra gli ostacoli alla produzione i vincoli finanziari è invece raddoppiata. Un segno che conferma come i vincoli del credito siano arrivati in un secondo tempo (dal 2012) cumulandosi agli altri problemi delle imprese.

elaborazione Linker su dati Istat. Per guardare il grafico ingrandito cliccare qui

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter