L’emergenza delle carceri italiane

L’emergenza delle carceri italiane

A pochi giorni dalla sentenza della Corte di Appello di Roma – con l’assoluzione di tutti gli imputati nel processo sulla morte di Stefano Cucchi – torna l’attenzione sul sistema carcerario italiano. Una realtà complessa, ricca di esperienze positive ma anche di tragedie. Un modello spesso fallimentare, come riconoscono le stesse istituzioni, caratterizzato da un inaccettabile sovraffollamento. E, per quanto riguarda i detenuti, da condizioni di vita ormai insostenibili. 

Negli ultimi mesi qui a Linkiesta abbiamo raccontato le esperienze di lavoro nelle carceri. Storie positive, da Lecce a Padova.

Ma anche le realtà più difficili, nelle case circondariali di tutta la Penisola:

Particolare attenzione è stata dedicata al dramma del sovraffollamento:

Ma l’emergenza delle carceri non riguarda solo i detenuti:

Sono diversi i contributi e le soluzioni avanzate in questi anni per affrontare il problema:

E una panoramica sulla situazione negli altri Paesi:

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta