“Che fine hanno fatto i mille giovani di Finmeccanica?”

“Che fine hanno fatto i mille giovani di Finmeccanica?”

Come la pensano gli italiani lo si può comprendere anche dalle lettere ai giornali. C’è un sito, in Italia, che, quotidianamente, pubblica le lettere più interessanti, www.carodirettore.eu, nato per iniziativa dell’Azienda di soggiorno e turismo di Bolzano. Linkiesta ne propone qualcuna, rimandando al sito i lettori che vorranno avere un panorama ancora più vasto di ciò che gli italiani scrivono ai giornali, quotidiani e periodici.

Sono anni che i giudici parlano con le sentenze. E con la prescrizione

Ai magistrati che eccepiscono sulla riforma delle norme anti corruzione, il premier Renzi risponde: «I magistrati scrivano sentenze, non comunicati stampa. Alla corruzione si risponde con nuove leggi». Sono anni che i giudici «scrivono» e «parlano» attraverso sentenze contro la corruzione. Lo hanno fatto con Tangentopoli, i tanti scandali delle amministrazioni periferiche, lo scabroso mondo degli appalti pubblici e dei “grandi eventi”. Lo hanno fatto con sentenze sui danni ad ambiente e salute. I giudici sono riusciti a scrivere “sentenza definitiva” perfino sul reato commesso da un ex premier. Purtroppo però hanno scritto anche tante sentenze di assoluzione: per prescrizione di reati, per modifiche intervenute dell’ambito di essi o irrogando pene irrilevanti causa riduzione delle stesse. Sono sentenze di impotenza, per impossibilità legale di perseguire colpevoli e punirli adeguatamente. Cosa ha fatto il mondo che Renzi afferma — giustamente — essere l’unico autorizzato a fare le leggi? Ha ristretto i termini di prescrizione, gli ambiti dei reati e le pene previste.

Giovanni Moschini, g.moschini@yahoo.it, la Repubblica, 23 dicembre

Che fine ha fatto il progetto Fimeccanica “1.000 giovani”?

Nel 2013 Finmeccanica lanciò il progetto «1000 giovani» per assumere entro la fine del 2014 addirittura 1500 giovani under 30 diplomati e laureati per attività ad alto contenuto tecnico-scientifico. Sono pervenute oltre 56.000 candidature. Noi siamo andati avanti nel processo di selezione: siamo stati selezionati tra i primi 5000 per affrontare la prima fase di orienteering. Abbiamo partecipato all’assessment tramite l’agenzia Obiettivo Lavoro. Quindi abbiamo avuto un colloquio con i rappresentanti di Alenia Aermacchi e siamo stati contattati per le visite mediche preassuntive presso Alenia Campania. Questo ai primi di maggio. A oggi stiamo ancora aspettando di firmare il contratto e dal sito di Finmeccanica è stata cancellata la sezione relativa al progetto.

Lettera firmata, la Repubblica 23 dicembre

Sui treni regionali pochi controlli per l’organico ridotto

Ho letto la lettera del signor Toffoli riguardo i controlli rari sui treni regionali ( Repubblica del 21 dicembre) e voglio svelare un “arcano”. Già da tempo Trenitalia ha ridotto sensibilmente l’organico a bordo dei suoi treni regionali, si è passati da due ad un macchinista mentre il capotreno ha “perso” i conduttori (di solito due) suoi “aiutanti” ed inoltre oggi ha le incombenze che un tempo furono del secondo macchinista. Sarebbe molto difficile assolvere anche ai compiti di controlleria che, peraltro, nel trasporto pubblico locale, in cui Trenitalia è uno dei tanti vettori, rimane un’incombenza del gestore del servizio ovvero le regioni.

Fortunato De Rosa, famderosa@alice. It, la Repubblica 23 dicembre

Dov’è il Vangelo nel rifiuto papale di ricevere il Dalai Lama?

È opinione comune di teologi e fedeli che papa Francesco rappresenti nella maniera più semplice le parole del Vangelo sia in quanto dice sia nei suoi comportamenti. Leggo che papa Francesco si è rifiutato di ricevere il Dalai Lama per non creare tensioni con la Cina. Nel Vangelo c’è scritto non accogliere la vittima per non disturbare il carnefice? Ero convinto ci fosse scritto di dare testimonianza.

Roberto Bellia, Vermezzo (Mi), Corriere della Sera, 23 dicembre

Vuoi vedere che gli stipendi nelle coop non rientrano nel tetto…

Nella inchiesta di Mafia Capitale, sembra sia stato accertato che il presidente di una cooperativa aveva uno stipendio di 25 mila euro al mese. È una retribuzione fuori da ogni logica e da ogni razionale valutazione. Il governo ha emanato un decreto per mettere il tetto alle retribuzioni dei manager pubblici; forse si è dimenticato delle cooperative?

Sergio Guadagnolo, sergioguadagnolo@virgilio.it, Corriere della Sera, 23 dicembre

Io continuo a stare con Abele

Ho appreso che alcuni parlamentari, nel solco di una tradizione che si ripete da anni, nei giorni di Natale si recheranno in vari istituti carcerari per andare a trovare dei detenuti colà reclusi. Mi chiedo se questi onorevoli non farebbero meglio a recarsi invece presso famiglie che hanno perso mariti o padri per mano di feroci criminali, portando la loro assistenza ed una parola di conforto a vedove di poliziotti o ad orfani di carabinieri, uccisi nel corso di brutali rapine o in conflitti a fuoco. Io sto, e credo di non essere solo, dalla parte della giustizia e della legalità, contro ogni falso buonismo. Potrei forse essere d’accordo sul fatto che nessuno tocchi Caino, ma io sto con Abele.  

Mauro Tornatore, La Stampa, 23 dicembre

Er Monnezza torna a Cuba e Castro sente odor di fregatura

Thomas Milian, detto Er Monnezza, è ritornato a Cuba dopo 60 anni di esilio. Raul castro inizia a sentire odore di fregatura.

Gabriele La Monica, ItaliaOggi, 23 dicembre

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta