Droga e armi: la mappa globale del crimine

Droga e armi: la mappa globale del crimine

Se volete capire come funziona la rete della criminalità nel mondo, questa mappa è un ottimo inizio. La trovate nel ben più corposo report dell’Onu del 2010, che riguarda i rapporti transnazionali del crimine mondiale.

Alcune precisioni inziali sono necessarie: la pirateria del corno d’Africa, in seguito a un massiccio intervento militare, in questi quattro anni si è molto ridotta. L’Europa ha anche stabilito di estendere la missione fino al 2016. Manca, al tempo stesso, una ricognizione sul mercato degli schiavi dell’Africa occidentale, che è invece molto esteso.

Per vedere la mappa ingrandita, cliccare qui

In ogni caso, la mappa resta molto interessante. Si vede che, da un lato, esiste un flusso che va dai Paesi più poveri ai Paesi più ricchi. È il caso dell’Afghanistan, che manda eroina all’Europa, o della Colombia, che fornisce droga agli Stati Uniti. Dall’altro lato esiste anche un flusso che va dai Paesi più sviluppati a quelli poveri: sono la Cina e l’India che inviano farmaci contraffatti all’Africa occidentale e orientale.

La mappa rende evidente, poi, quello che si è sempre saputo, cioè che il passaggio di armi dall’Europa dell’Est all’Africa centrale e orientale è alla base delle guerre che dilaniano il continente. I governi sono instabili e c’è spazio per contrabbandieri e criminali per agire indisturbati. È un moto perpetuo di criminalità, soldi, corruzione e disastri. E nessuno può restare indifferente.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta