La mappa della corruzione in Francia

La mappa della corruzione in Francia

Sull’indice di corruzione le critiche sono tante e comprensibili. Questa altra iniziativa è di diversa sostanza: con una semplice mappa di Google, Transparency International ha segnalato tutti i casi di corruzione avvenuti in Francia negli ultimi dieci anni. Si tratta di uno strumento del tutto nuovo che può essere arricchito dagli utenti. Insomma, è in progress.

Finora indica i casi di condanna pronunciati dai tribunali francesi per casi di corruzione commessa da amministratori, cittadini eletti, funzionari, responsabili associativi e così via. Ma, in assenza di un registro generale, sono elencate tutte le condanne riportate dai media. Sono 258.

Clicca qui per accedere alla mappa

Vengono forniti anche altri numeri interessanti: che, in media, dal momento del fatto al giudizio, passano 8,8 anni. Che, in alcuni casi, i processi possono essere interminabili (fino a 15 anni). Che le regioni più corrotte sono l’Ile de France, con 87 casi (e 42 dove c’è Parigi) e la PACA (Provence-Alpes-Cote d’Azur) con 26 casi.

La cartografia delle decisioni giudiziare permette di avere “una visione precisa delle forme che assume la corruzione, delle categorie di persone coinvolte e delle regioni interessate”, dicono alla Ong. Un elemento, perciò, di un’azione più ampia, per incitare i francesi a lottare contro gli scandali politico-finanziari. E non si tratta di delazione, dicono, “ma del suo contrario. Si chiede alle persone di allertare le autorità competenti per eventuali derive. Quello che è in gioco è la fiducia nella democrazia”.

E questo è quello che succede in Francia. Fosse in Italia come sarebbe? Noi di LinkPop siamo sicuri: molto, molto arancione. Ma non è una bella cosa.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta