Oscar Bilancio 2014, se Snam premia se stessa

Oscar Bilancio 2014, se Snam premia se stessa

È Snam la società che ha vinto l’Oscar di Bilancio 2014 per la categoria società e grandi imprese quotate. Ad assegnarlo è stata la Ferpi – Federazione relazioni pubbliche italiana, che promuove e gestisce il premio. La cerimonia di consegna si è svolta il primo dicembre presso la sede di Borsa Italiana, sotto l’alto patronato del presidente della Repubblica. C‘è solo un particolare: la presidente della Ferpi è dal 2011 Patrizia Rutigliano, che dal 2009 è direttore delle relazioni pubbliche e comunicazione di Snam. Attualmente risulta “public affairs and communication senior vice president” della holding di trasporto del gas. 

La pagina di Linkedin di Patrizia Rugliano (per guardare l’immagine ingrandita cliccare qui)

Patrizia Rutigliano, in qualità di presidente della Ferpi, è anche membro della giuria del premio. 

L’Oscar di Bilancio è stato assegnato per un fascicolo di bilancio «che espone con chiarezza i diversi settori di attività, i rischi relativi e l’informazione economico-finanziaria». Hanno ritirato il premio il presidente di Snam, Lorenzo Bini Smaghi e l’ad Carlo Malacarne. 

– – – 

Pubblichiamo le repliche arrivate dai diretti interessati: 

Posizione Ferpi

A proposito dell’assegnazione dell’Oscar di bilancio 2014 a Snam, FERPI evidenzia come la decisione della giuria, composta da 17 membri rappresentanti del mondo istituzionale, accademico e della comunicazione, sia stata presa in modo condiviso, limpido e soprattutto nel rispetto delle rigorose regole di governance che la Federazione si è data per rendere sempre più trasparente la procedura di assegnazione degli Oscar.

In aggiunta a ció, occorre rimarcare come, in occasione delle votazioni per la categoria “Grandi Imprese Quotate”, la presidente – come avvenuto nelle passate edizioni, essendo stata Snam finalista negli ultimi due anni – si è volontariamente estromessa dalle votazioni.

Posizione di Paolo Balice (Presidente Aiaf – Associazione Italiana Analisti e Consulenti Finanziari)

Non deve suonare stridente o contraddittorio che chi presiede Ferpi sia anche il numero 1 della comunicazione di una delle Società premiate.  E non solo perché a capo di Ferpi si sono avvicendati nel tempo bravi professionisti con incarichi di responsabilità importanti in grandi aziende, ma soprattutto perché queste scelte sono state operate in un quadro di governance chiaro, con regole ben salde nei principi di trasparenza e segregazione, che Ferpi si è data per per evitare ogni possibile equivoco.