Perché ci salviamo “per il rotto della cuffia”?

Perché ci salviamo “per il rotto della cuffia”?

Vi è mai capitato di partecipare a un concorso ed essere ripescati? Di essere in riserva di benzina con l’auto riuscendo ad arrivare comunque a destinazione? Qualcuno vi avrà detto che vi siete salvati per il “rotto della cuffia”. L’Accademia della Crusca ci spiega da dove deriva questa espressione. 

Perché ci salviamo per il rotto della cuffia?

La Crusca risponde Una probabile spiegazione della locuzione per il rotto della cuffia è riportata nel Vocabolario della lingua italiana curato da N. Zingarelli (edizione 2002), sotto la terza accezione della voce cuffia, dove si legge:

«Nell’armatura antica, parte della cotta di maglia indossata sotto l’elmo o la cervelliera. Copricapo di cuoio o pelle imbottita indossato sotto la celata. Uscire per il rotto della cuffia (fig.) cavarsela alla meglio, a malapena (prob. perché nelle giostre medievali i colpi assestati sulla cuffia erano ritenuti validi)».

Esiste un’altra interpretazione che conserva comunque il significato di ‘passare in qualche maniera’, ‘passare di straforo’, illustrata da Ottavio Lurati nel suo Dizionario dei modi di dire (Milano, Garzanti, 2001) che fa riferimento a un altro senso della parola cuffia: ‘parte della cinta di una città’, quindi passare per il rotto della cuffia coinciderebbe a ‘passare attraverso una piccola breccia aperta nelle mura’. Questa spiegazione sembra avvalorata da un verso delle Satire dell’Ariosto in cui viene utilizzata la stessa locuzione con la sostituzione però della parola cuffia con la parola muro:

Uno asino fu già, ch’ogni osso e nervo
Mostrava, di magrezza; e entrò, pe ‘l rotto
Del muro, ove di grano era uno acervo;
E tanto ne mangiò che l’èpa, sotto,
Si fece più d’una gran botte grossa (Satire 1. 247-51).

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter