Il video che CNN manderà in onda alla fine del mondo

Il video che CNN manderà in onda alla fine del mondo

Domenica 1° giugno 1980, poco prima del lancio del nuovo canale di news 24 ore su 24 CNN, il presidente della società Ted Turner disse delle parole che crearono una piccola leggenda. «Salvo problemi ai satelliti, non smetteremo di trasmettere fino alla fine del mondo. Saremo in onda e racconteremo la fine del mondo dal vivo, e quella sarà la nostra ultima trasmissione… e quando la fine del mondo arriverà, suoneremo Nearer My god to Thee prima di chiudere».

Nearer My god to Thee è la canzone che secondo alcuni l’orchestra del Titanic suonò prima che il transatlantico affondasse e, per anni, si è discusso della possibilità che quelle di Turner non fossero solo parole per dire quanto solido sarebbe stato il futuro di CNN ma una vera e propria promessa. Che questo filmato, quello da mandare in onda alla fine del mondo, esistesse veramente.

Michael Ballaban nel 2009 era uno stagista del programma di CNN The Situation Room e decise di indagare sul video. E il 6 gennaio 2015 ha pubblicato quello che ha scoperto sul sito Jalopnik del network di Gawker. A quanto riferisce Ballaban, il filmato-fine-di-mondo esiste veramente. Dura un minuto e un secondo ed è proprio il video di una banda che suona Nearer My god to Thee.

Ballaban ha salvato (o dovremmo dire rubato?) una copia digitale del video e l’ha portata con sé, pubblicandola online. Come prova della veridicità del video, ha scattato una fotografia del sistema di archiviazione digitale interno a CNN che — apparentemente — mostra il TURNER DOOMSDAY VIDEO, segnalato come HFR [Hold for release] till the end of the world is confirmed. Non mandare in onda fino a che la fine del mondo non è confermata.

I portavoce di CNN, parlando con il New York Daily Mail, non hanno né confermato né smentito l’autenticità del video.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta