L’addio di Giorgio Napolitano

L’addio di Giorgio Napolitano

È tutto pronto per l’addio del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Mercoledì 14 gennaio, in concomitanza con la fine del semestre europeo dell’Italia, darà le dimissioni. Come ha scritto il quirinalista Marzio Breda sul Corriere, il capo dello Stato «non ha comunque avuto tempo per pensare alla svolta che sta per cominciare. Tra visite, lettere di congedo (parecchie) e chiusura di dossier ancora non perfezionati, questi giorni sono stati molto pieni. Per lui e per lo staff, dato che — ha raccomandato — tutto va lasciato in ordine come quando siamo entrati qui, ormai quasi nove anni fa. E tutti gli impegni vanno rispettati fino all’ultimo minuto, bisogna aggiungere». Il presidente si dimette e lascia il Colle all’età di 89 anni. Ripercorriamo le ultime tappe di un atteso addio. L’influenza dei figli, le relazioni di potere, le motivazioni che hanno spinto Giorgio Napolitano a lasciare. 

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta