Immagini che fanno impazzire il cervello

Immagini che fanno impazzire il cervello

Non tutti conoscono l’effetto McCollough. In rete girano molti esperimenti, sotto forma di gioco, che lo mettono in pratica. Si tratta di fissare una serie di linee nere e bianche, orizzontali e verticali, che creano un particolare fastidio alla vista. Se fissati a lungo (almeno 15 minuti) si altererà la visione dei bianchi e dei neri– nei casi peggiori, almeno fino a tre mesi. Questo è uno degli esempi più chiari:

Meglio non esagerare con l’esposizione. Ci sono anche casi più evidenti e rapidi, ad esempio questo. È lampante:

Si è scritto molto sull’effetto McCollough, ma si è capito poco. Sono state avanzate teorie di ogni genere: neuronali e psicologiche, ma non si è raggiunto un risultato definitio. Il nome deriva dalla scienziata americana Celeste McCollough – e questo è certo – la prima ad averlo individuato.

Qui, in ogni caso, c’è una spiegazione abbastanza chiara. È in inglese, ma si capisce bene: