Cinque falsità sulla tecnologia alle quali credono ancora in tanti

Cinque falsità sulla tecnologia alle quali credono ancora in tanti

I computer Apple hanno virus? È sbagliato ricaricare un cellulare di notte? Le calamite cancellano i dati dei computer? Il mondo della tecnologia, come ogni selva oscura e sconosciuta, dà origine a una fitta serie di leggende e miti che sono difficili da sradicare. E però questo sporco lavoro lo deve pur fare qualcuno. Qui Business Insider ne distrugge 11, LinkPop, per modestia, si limita a cinque, che sono quelli più diffusi e su cui c’è maggiore certezza (ad esempio, BI sostiene che i cellulari non provochino tumori: nel dubbio, qui si preferisce astenersi piuttosto che fornire indicazioni imprecise su un tema così delicato).

I Mac non rischiano di prendere virus
Falso, eccome se è falso. Anche i computer della Apple rischiano di venire infettati dai malware che girano in rete. L’idea si è diffusa perché questa storia dei virus era uno degli slogan che venivano usati per vendere meglio il prodotto – soprattutto, in confronto con i normali Pc che usavano Windows. Ebbene, dopo che nel 2012 un Trojan ha colpito migliaia di computer, hanno dovuto ammainare la bandiera.

Navigare in incognito permette di mantenere l’anonimato
Ma quando mai? Non bisogna confondere la “navigazione privata”, o “in incognito”, con l’anonimità. Il primo caso implica che il browser (che sia Google, che sia Safari) non terrà traccia della storia, non importerà i bookmarks e non entrerà in automatico negli account aperti. Serve, nella sostanza, a impedire che altre persone, mentre usano il computer, entrino negli spazi privati di una persona. Questo però non implica che l’identità sia segreta. Meglio non usarlo se si pensa di andare su siti proibiti.

Lasciare il telefono in carica a lungo distrugge la batteria
Quasi tutti, prima di dormire, lasciano il telefono in carica. Ma, dice la leggenda, sarebbe un’abitudine molto dannosa: la batteria, se rimane collegata anche quando la ricarica è completa, si danneggia. Non è vero. O almeno, non c’è nessuna prova che questo succeda. Le batterie, al giorno d’oggi, sono al litio, e sono abbastanza smart da smettere di ricaricarsi quando hanno raggiunto il massimo della loro capacità.

Ricaricare la batteria quando non è del tutto scarica è peggio
Altra leggenda metropolitana: non solo non succede niente di male, ma anzi potrebbe essere meglio. Il telefono ha un numero di cicli di ricarica limitati, da cui dipende la durata di una batteria. È sbagliato pensare che, ricaricandola quando è a meta, se ne riduca il numero. Piuttosto, si può pensare che ne si prolunghi un poco la vita. Per cui, meglio ricaricare appena si può.

Non si dovrebbe spegnere il computer ogni giorno
Ma come? Ma figuratevi. Anzi, spegnerlo quando non è in uso è un’ottima abitudine. Semmai bisogna evitare il contrario, cioè lasciarlo acceso – anche in modalità stand-by – anche per lunghi periodi. Non ci vuole un genio per capire che che, in questo modo, se ne conserva l’energia e si usurano meno le sue componenti.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta