RugbyÈ morto Jonah Lomu, la leggenda degli All Blacks aveva 40 anni

È stato lo sportivo più amato di sempre in Nuova Zelanda. Nel 2006 cambiò il mondo del rugby con le sue cavalcate. Una malattia degenerativa dei reni costrinse Lomu a un trapianto e stroncò la sua carriera al suo picco

Il mondo del rugby è in lutto. Jonah Lomu, vera e propria leggenda degli All Blacks, è morto a soli 40 anni. Ne ha dato notizia la Federazione di rugby della Nuova Zelanda. Da tempo aveva una malattia degenerativa ai reni. Era salito alla ribalta nel 1995 ed è stato per anni il simbolo della nazionale di rugby neozelandese: il fiore all’occhiello di un pilastro dell’identità del Paese.

La malattia costrinse Lomu a un trapianto e stroncò la sua carriera al suo picco; nel 2006 la sua ultima partita. Migliore marcatore di mete in Coppa del mondo, figura anche nell’International Rugby Hall of Fame. Si era ritirato, definitivamente, nel 2010. Dal 2007 faceva parte della Rugby Hall of Fame.

La sua scomparsa arriva a meno di un mese dal successo degli All Blacks alla Coppa del Mondo

«Jonah era una leggenda del nostro gioco, amato dai suoi tanti fan sia qui che in tutto il mondo – afferma il ceo della federazione Steve Tew -. Non abbiamo parole, i nostri pensieri e sentimenti vanno alla sua famiglia».

Il picco della carriera fu poco prima della malattia: la prova entusiasmante nella Coppa del Mondo in Sud Africa. Gli All Blacks furono sconfitti dai padroni di casa sostenuti da Mandela, ma le progressioni di Lomu fecero il giro del mondo e cambiarono il rugby. Dopo il mondiale, Rupert Murdock mise sotto contratto per 10 anni le federazioni di Nuova Zelanda, Sud Africa e Australia con una spesa di 800 milioni di dollari.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta