Pizza ConnectionIn vent’anni diciassette gli attentati che hanno toccato l’Europa

Dalla metropolitana St. Michel al Bataclan di Parigi passando per Breivik: vent’anni di stragi, non solo di matrice islamica

Gli attentati di Parigi dello scorso 13 novembre sono l’ultimo episodio di una scia di sangue lunga vent’anni che ha coinvolto l’Europa in attentati terroristici.

Tenendo conto dei due attentati tunisini del Museo del Bardo (quattro vittime italiane) e della spiaggia di Sousse, negli ultimi vent’anni hanno toccato l’Europa diciassette attentati terroristici. Non sempre riconducibili al terrorismo islamico, gli attentati sono arrivati anche per mano dell’Ira in Irlanda e dall’ultracattolico norvegese Anders Breivik.

Le vittime a oggi sono 579, un numero in continuo aggiornamento a causa dell’evolversi della situazione parigina. Gli attentati più sanguinari sono stati quelli di Madrid (Spagna, 2004) con 191 morti e oltre 2000 feriti, Parigi (Francia, 2015) con 132 morti e più di 350 feriti, e le stragi di Utøya e Oslo (Norvegia, 2011) per mano dell’estremista antislamico Anders Behring Breivik che lasciano a terra 69 persone.

Vedi lo StoryMap a tutto schermo

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta