La mappa del consumo di droga nel mondo: vince l’Iran

Secondo i dati elaborati da Recovery Brands, il Paese sarebbe vittima di oppiacei (in particolare l’eroina). Colpisce anche la grande diffusione di marijuana in Nuova Zelanda

Si parte dal numero di consumatori (che vengono curati) fino alle morti per overdose. È la mappa (poco più sotto) che mostra il panorama delle dipendenze e delle droghe in tutto il mondo, e non è per nulla confortante.

Le mappe

Da un lato, ci sono alcune sorprese. Ad esempio, i Paesi con il maggiore abuso di droga sono – e chi se lo aspettava? – Iran e Nuova Zelanda. Dall’altro, alcune cose scontate, come il fatto che, secondo le stime riportate, la sostanza più diffusa e popolare sulla Terra è la marijuana (che, in certi Paesi, ormai, non è più neppure illegale).



Il fenomeno Iran

Come si spiega? Almeno il 3% della popolazione iraniana è sottoposto a cure per abuso di oppiacei. Una delle spiegazioni è la vicinanza con l’Afghanistan, uno dei grandi produttori di droga. La cosa faciliterebbe la presenza di eroina e metanfetamina, rendendo più semplice il consumo.

I numeri vengono presi dalle ricerche Onu sulla droga e il crimine, e poi rielaborati in forma visuale da Recovery Brads, laboratorio di ricerca sulle tossicodipendenze. Con una nota: si sottolinea che “è molto difficile reperire, per ogni Paese, i dati corretti sull’uso e sull’abuso delle droghe”, cui si assomma la diversità delle leggi e delle pene per i crimini legati all’utilizzo di sostanze stupefacenti. Il tutto per dire che è meglio prendere questi dati con un filo di prudenza.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020