Ricercatori e assegni, la battaglia per i programmi europei

Tutto si gioca sulla possibilità di rendicontare gli assegni di ricerca ai fini dei fondi Horizon 2020: le università sono d’accordo, L’Unione Europea no

Più di 350 milioni di euro, quasi 600 progetti messi a punto: sono questi i numeri per l’Italia di Horizon 2020, il programma europeo destinato a innovazione e ricerca. Ma i rubinetti si potrebbero chiudere, eppure quasi nessuno sta affrontando il problema: sarebbe invece bene farlo, anche per dare un seguito concreto alla giornata di mobilitazione nazionale “Per una nuova primavera delle università” (su twitter: #primaverauniversita) promossa ieri dalla Crui.

Dallo scorso ottobre la Commissione europea ha stabilito – in un documento intitolato “Annotated model grant agreement” – che gli assegni di ricerca, come anche le collaborazioni continuative e i contratti a progetto, non sono costi ammissibili per le rendicontazioni. Peccato che questi siano i più frequenti inquadramenti con cui vengono contrattualizzati e pagati i ricercatori che portano avanti i progetti in questione.

Secondo l’associazione dottorandi e dottori di ricerca italiani la posizione dell’Unione europea dà «un input ben preciso: riformare la figura del pre ruolo». Ma in Italia ci sono, come sempre, visioni contrapposte: se per l’Unione europea i contratti parasubordinati non vanno bene, secondo il Convegno dei direttori generali delle università italiane e per l’agenzia per la promozione della ricerca europea queste tipologie di contratti, per la legge italiana, non hanno nessuna controindicazione e potranno essere rendicontate benissimo ai fini dei fondi Horizon, perché sono assimilabili a quelli subordinati.

Eppure il ministro Poletti è stato chiaro in più occasioni nel dire il contrario: l’assegno di ricerca è un contratto di lavoro parasubordinato. Mentre il tempo passa e si fa reale il rischio che i finanziamenti vadano persi, la politica resta al palo con un disegno di legge da tempo fermo in Senato. E i 65mila ricercatori che rischiano di vedersi sottratti anche i soldi già pagati sono pronti a manifestare…

Continua a leggere su http://www.repubblicadeglistagisti.it/article/assegni-di-ricerca-divieto-commissione-europea-cococo-horizon

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta