Accusare i cattivi è legittimo: ma cosa hai fatto per essere migliore di loro?

Il senso di responsabilità come unità di misura per non passare dalla parte del torto ed evitare il qualunquismo

A costo di apparire rozzamente sbrigativo, non posso non dirlo: alla fine chi possiede ed esprime un forte senso di responsabilità è migliore di chi invece no. Anzi, vorrei proporre il senso di responsabilità come unità di misura: perché in ogni situazione – dalle grandi imprese fino alle scelte squisitamente personali – ogni evoluzione, ogni conquista, ogni cosa di cui andare orgogliosi, è sempre nata da chi si prende più responsabilità.

Perché chi accusa, si indigna, punta il dito, esercita il pensiero critico, può certamente avere tanti motivi per farlo e ci sta che abbia anche ragione: ma dopo che ha criticato? Ecco, credo da sempre che criticare sia troppo facile, che si possa essere duri con gli altri quando si sa essere duri con se stessi, e che la migliore delle critiche sia quella di chi fa qualcosa di suo, di chi prova a costruire, a proporre una qualche soluzione.

ogni evoluzione, ogni conquista, ogni cosa di cui andare orgogliosi, è sempre nata da chi si prende più responsabilità

Accusare i “cattivi” è legittimo, ci mancherebbe: ma tu cosa hai fatto per essere davvero migliore di loro? Allo stesso modo, è sacrosanto rivendicare e anche pretendere i propri diritti: ma permettetemi di preferire chi prima di accampare diritti dimostra quel tanto di volontà e di coraggio, chi dà ancor prima di avere. Prendersi responsabilità è qualcosa di vitale, che si fa con il sorriso sulle labbra e con una sostanziosa dose di energia.

No, non ho un’attitudine penitenziale e sacrificale, niente affatto. Sto parlando di senso di responsabilità, non di senso del dovere. Perché il dovere corrisponde in qualche modo a un obbligo morale, ed è parente stretto del senso di colpa, mentre prendersi responsabilità è qualcosa di vitale, che si fa con il sorriso sulle labbra e con una sostanziosa dose di energia. Mi è accaduto spesso, in questo senso, di raccontare che il miglior modo di crescere un bambino è combinare senso di responsabilità e senso del gioco, voglia di fare e di migliorarsi e attitudine scanzonata e gioiosa.

Continua a leggere su Centodieci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta