L’investimento ideale per il lungo termine? Non è detto che siano le azioni

Negli Stati Uniti le azioni nell’ultimo secolo hanno fatto guadagnare agli investitori più delle obbligazioni. Ma questo non vale per tutti i Paesi e per tutte le epoche. La conseguenza? Mai mettere le uova in unico paniere

«I rendimenti ottenibili nel lungo termine con un asset allocation rischiosa sono più alti di quelli dati da una asset allocation meno rischiosa»: è una frase che diamo quasi per scontata e che, se considerassimo solo il mercato statunitense, sarebbe difficile da contestare. Il grafico qui sotto ne dà la prova.

Tuttavia, nel mondo non ci sono solo gli Stati Uniti. Tra i diversi Paesi vi sono delle normali differenze in merito ai rendimenti dell’azionario e dell’obbligazionario. La conclusione è che l’azionario non è necessariamente il migliore asset per investimenti di lungo termine e che nel lungo termine un portafoglio ben diversificato è più efficace di un investimento in una sola asset class.

Continua a leggere su MoneyFarm

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta