La finanza in pilloleBanche dell’Eurozona, guida in pillole per capire che sta succedendo

Perché i titoli delle banche continuano a scendere? Perché i tassi bassi fissati dalla Bce stanno riducendo se non azzerando la possibilità delle banche di fare profitti? Come si potrà risolvere il problema delle sofferenze? E perché bisogna guardare al valore di libro? Le risposte in pillole

Cerchiamo di mettere insieme tutti i pezzi del puzzle, per rispondere a una semplice domanda: perché i titoli delle banche vanno così male in Borsa e perché questo è un problema per l’economia? Il primo aspetto da guardare sono i tassi bassi applicati dalla Bce. Come spiega una guida di MoneyFarm, la politica monetaria ultra espansiva in Europa può giovare a diversi settori, ma il settore bancario non potrà riprendersi con tassi negativi.

Bisogna poi guardare ai crediti deteriorati, quelli che le banche non vedono rimborsare, tipicamente per il fallimento delle imprese a cui hanno prestato i soldi. L’incidenza dei non performing loans è maggiore per gli istituti di credito europei, rispetto a quelli americani. Una soluzione a livello nazionale pare essere un palliativo, come il fondo Atlante in Italia che cerca di favorire le banche italiane nelle loro operazioni di ricapitalizzazione e a favorire la gestione dei crediti in sofferenza del settore.

Il terzo tema è legato alla profittabilità delle banche, che è sempre minore. Le ultime stagioni degli utili dimostrano che le banche europee possono/devono aumentare il taglio dei costi viste le enormi difficoltà nell’aumentare i ricavi. La portata del problema è tale che la crisi difficilmente avrà fine senza l’intervento delle istituzioni europee.

Sul tavolo ci sono diverse proposte, ma gli investitori che stanno pensando di optare per obbligazioni/azioni bancarie sono pronti a pagare un conto salato nel caso la soluzione dovesse comportare perdite solo per gli investitori?

Continua a leggere su MoneyFarm

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta