Cosa significa gestire l’albergo più antico del mondo

Si trova in Giappone, è un ryokan fondato nel 718 d. C. E la stessa famiglia lo porta avanti da ben 46 generazioni. Con tutte le difficoltà di far sposare la tradizione con la contemporaneità

L’hotel più antico del mondo? Si trova in Giappone. È lo ryokan Hōshi, a Komatsu. Una struttura tradizionale, fondata nel 718 d.C. e mandata avanti dalla stessa famiglia per 46 generazioni di fila (c’è un altro ryokan, in realtà, che contende il titolo: è stato fondato nel 705). In sé contiene tutto ciò che tyokan tradizionale deve possedere: mura di carta, laghetti con carpe, giardini curatissimi. Stuoie di tatami, pranzi collettivi e un senso di tradizione lunghissima – che è, poi tutto ciò che rende giapponese il Giappone.

Come illustra questo documentario non brevissimo (dura 12 minuti) girato dal regista tedesco Fritz Schumann, raccogliere e portare avanti una tradizione non è sempre facile. C’è la responsabilità della storia, il peso di una libertà limitata. Si passa attraverso le innovazioni che colpiscono la vita del Paese (ad esempio, la fine dell’uso di celebrare matrimoni combinati), ma anche la difficoltà di far conciliare il presente agli obblighi della famiglia.

È una storia piccola, ma significativa: racchiude in sé gli obblighi di un dovere che si eredita (lo stesso, ad esempio, dei figli di governanti e di grandi imprenditori) e le costrizioni che una vita già segnata possono rappresentare anche in un’epoca, piuttosto libera, come questa.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta