Da “bigly” a “Big-League”: Trump rivoluziona la lingua inglese e nessuno lo capisce

Per settimane gli esperti linguisti di grandi università americane (come Berkeley) si sono interrogati su alcune parole pronunciate dal candidato repubblicano. È venuto fuori che molte sono sue invenzioni, con utilizzi molto, ma molto originali

Il fenomeno Trump ha lasciato di stucco anche i linguisti. Per molti mesi, oltre che ragionare sulle sue proposte politiche, al limite (spesso oltre) della provocazione, gli scienziati della lingua si sono concentrati sulle parole che diceva e, soprattutto, sul modo in cui le pronunciava. Non le capivano.

Sia chiaro: The Donald è americano, è di New York, ha un accento preciso e ha fatto tutte le scuole d’élite previste nel curriculum di un miliardario come si deve, cioè la celebre Wharton School. Per dire che, come è ovvio, sa parlare inglese alla perfezione. Eppure dice cose non sempre chiare, e non per il senso. L’esempio classico è il misterioso e presunto “bigly”, parola piuttosto rara per dire “alla grande”. We will win – diceva – and we will win bigly. Vinceremo, e vinceremo alla grande.

Per molto tempo i linguisti si sono divisi. È davvero “bigly” la parola che sentiamo? O no? Secondo gli studiosi del Merriam-Webster, che si erano espressi fin da subito, è la seconda. Per essere precisi, si tratta di Big League, cioè “Serie A”, “prima divisione”. Un modo contorto per dire “alla grande”. Contorto e raro: viene usato poco e quando succede è riferito a sostantivi, non a verbi. Funziona più o meno come “big time”: We are going to win big time è un’espressione nota e usata. We are going to win big-league è un trumpismo. Lo usa solo lui.

È così raro che, appunto, le persone non lo capiscono neppure. Il riferimento fonetico più immediato che abbia anche un senso è “bigly”, parola che lascia tutti un po’ perplessi, ma che viene lo stesso accettata. “Bigly” è inglese corretto, conferma Kory Stamper del Merriam-Webster, ma è molto desueto. Big League invece è una novità, almeno per il grande pubblico: i seguaci di Trump più antichi lo avevano già sentito a The Apprentice, lo avevano già letto in alcune sue vecchie interviste. Una forma di codice, un vezzo della lingua, ma è anche efficace espressione della sua natura: del resto è capace, più di molte sue sparate, di lasciare di stucco gli accademici.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta