Dove andare a rifugiarsi in caso di guerra nucleare

Visto che il 90% delle testate si trova in Usa e in Russia, la cosa più saggia è: molto lontano da lì. Se si può, nell’emisfero meridionale. Ma dove, per l’esattezza?

I venti di guerra che soffiano negli ultimi tempi riportano in vita vecchi fantasmi: la guerra nucleare. È un rischio evocato, nelle sue esagerazioni, anche da Numan Kurtulmus, vicepremier turco: i dissidi tra Usa e Russia potrebbero dare inizio al disastro atomico. Sarà vero?

Senza perdersi in sottili analisi geopolitiche, la cosa migliore è trovarsi un posto dove le conseguenze di una guerra nucleare. Punto primo, è meglio togliersi al volo dai Paesi in cui ci sono testate nucleari o che hanno accordi nucleari.

Secondo una mappa pubblicata da Statista, è molto saggio spostarsi nell’emisfero meridionale. La maggior parte delle testate nucleari, del resto, si trovano nell’emisfero settentrionale: il 90% dell’atomica mondiale. Certo, questo implica che, se una guerra ci sarà, dovrà svolgersi tra quei Paesi, e non è certo scontato.

Se poi ci saranno scontri ad alto livello, è probabile che la temperatura globale diminuisca, che l’ozono si riduca, che i raccolti siano meno abbondanti e che aumentino i rischi di malattie e neoplasie.

La conclusione, allora, è un luogo non troppo soleggiato (per evitare i raggi ultravioletti), meglio se con risorse di cibo abbondanti, se possibile in Africa o in Sudamerica (appunto, dove c’è un rischio minore di finire coinvolti negli scontri). Ma quale? Purtroppo la risposta non è data.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta