I tassi bassi non spingono più l’economia

Crescono le perplessità sull’utilità di una politica monetaria accomodante da molti anni. Storicamente il finanziamento a basso costo è stato utilizzato per investire e creare posti di lavoro. Ora sembra favorire le operazioni di buyback, le bolle speculative e l’indebitamento degli Stati

Peter Macdiarmid/Getty Images

L’efficacia della politica monetaria potrebbe aver raggiunto il suo limite. Non solo perché i bassi tassi di interesse stanno comprimendo sempre di più i margini di profitto delle banche, che hanno sempre meno incentivi ad erogare finanziamenti. Ma perché la politica monetaria sta favorendo sempre più comportamenti speculativi.

Storicamente, il finanziamento a basso costo è stato utilizzato per investire in asset per aumentare le vendite e i profitti futuri. Sempre più spesso, invece, oggi i bassi tassi di interesse stanno dando alle grandi aziende la possibilità di indebitarsi a basso costo e utilizzare il debito per il riacquisto delle azioni. Con il primo approccio si creano nuovi posti di lavoro e si fornisce una spinta all’economia. Con il secondo si riempiono le tasche degli azionisti e dirigenti nel breve termine.

Non solo: un rapporto della scorsa settimana del Fondo Monetario Internazionale ha mostrato che il livello di indebitamento dell’economia globale è aumentato. Con un debito così a buon mercato non esistono incentivi per ridurre l’indebitamento.

Continua a leggere su MoneyFarm

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Maggiori Informazioni