Agenzie di rating, basta considerarle degli oracoli

I giudizi delle agenzie di rating sono degli indicatori utili ma tutt’altro che infallibili. Anche perché il rating è in genere commissionato dallo stesso ente che emette il debito

Oli Scarff/Getty Images

Da AAA a D, dal paradiso alla spazzatura: sono i giudizi delle agenzie di rating. Si ottengono, con piccole differenze tra un’agenzia e l’altra, analizzando svariati elementi come il bilancio, dati sul mercato di riferimento, sul management. Occorre però fare attenzione: sottoscrivere un’obbligazione con rating AAA non implica alcuna garanzia non solo poiché il rating è il frutto di una valutazione che può essere piu o meno precisa ma anche perché il rating è tendenzialmente commissionato dallo stesso ente che emette il debito. Ecco perché il rating è si un indicatore utile ma va preso con le pinze.

Continua a leggere su MoneyFarm

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta