Come investire 20mila euro senza regalare soldi alle banche

Siamo alle porte del 2017: non è più necessario affidarsi a strutture appesantite da costi fissi come le banche. L’importante, se volete cominciare a investire, è evitare promesse di guadagni facili, affidarsi a consulenti indipendenti, diversificare e stare molto attenti ai costi

Investire 20.000 euro è un ottimo modo per avvicinarsi al mondo degli investimenti e dare forma a un piano di risparmio di medio-lungo termine. Oggi, grazie alla tecnologia, si possono abbassare i costi, perché non è necessario affidarsi a strutture appesantite dai costi fissi come le banche tradizionali. Ci sono alcune regole da seguire per investire i propri 20mila euro in modo efficiente. La prima è stare lontano dalle facili promesse di guadagni facili. Piuttosto, è necessario partire da un investimento cucito su misura e per questo è cruciale rispondere attentamente a un questionario di profilazione. Meglio poi affidarsi a un consulente indipendente rispetto a un consulente tradizionale pagato a commissione dalla banca che rappresenta. Non è necessario mettere subito tutti i 20mila euro: scoprirete che presenta vantaggi di flessibilità anche un piano graduale, diciamo da 500 euro al mese. È poi opportuno diversificare, tra obbligazioni, azioni e materie prime e scegliere investimenti con basse commissioni.

Continua a leggere su MoneyFarm

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter