Grazie Brexit: l’Irlanda batte il record di nuovi passaporti

A quanto pare, il 42% sarebbero destinati a cittadini inglesi. È stato effetto del Leave? È possibile, ma non certo: il dato sulla differenza "rinnovo" e "nuova emissione" sarà disponibile solo nel 2017

A quanto pare non è mai stato così bello essere irlandese. Secondo i dati annunciati dal Servizio Passaporti del Ministero agli Affari Esteri e Commercio di Dublino, quest’anno è stato battuto il record di passaporti emessi: più di 700mila.

Il record precedente risale al 2015, quando fu superata quota 669.000, per poi fermarsi a un tranquillo 672.760. L’incremento di quest’anno è una piccola novità, ed è impossibile non pensare che sia collegata con la Brexit. L’Inghilterra esce dall’Europa e gli inglesi entrano in Irlanda. As simple as that.

In realtà non si sa bene. A guardare con attenzione le statistiche (i dati definitivi, però, usciranno con il nuovo anno) si nota che l’incremento totale è del 4,5%: non proprio un numerone. Per contro, si nota anche che le richieste provenienti dai vicini inglesi ammontano al 42% del totale. Rispetto. La soluzione al rebus sarà possibile solo quando verrà indicato quanto ha inciso, sul totale, la componente “nuovi passaporti” rispetto alla componente, senza dubbio corposa, “rinnovo passaporti”.

Insomma, Brexit means Brexit. Ma many Irish passports, ecco, not yet.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta