Justin Trudeau figlio di Castro? Anche il Canada contagiato dalla “sindrome Bruno Vespa”

Secondo alcuni burloni della rete ci sarebbe una somiglianza tra il presidente canadese e il lider di Cuba, morto da poco. In più, la madre e Castro si sarebbero anche conosciuti. Tutto campato per aria? Sì

Perché il bel presidente canadese Justin Trudeau ha inviato parole commosse al popolo cubano per ricordare Fidel Castro? Semplice, perché è suo figlio. È l’ultima delle bufale della rete, una delle più divertenti e, però, anche una delle più facili da smentire. Gli utenti della rete hanno notato una tenue somiglianza tra lui e il Lìder della rivoluzione cubana, hanno scoperto che la famiglia Trudeau, in passato, ha davvero incontrato Castro e allora ha fatto due più due.

Gli indizi messi in fila, come detto, sono tanti. Prima di tutto la statura: come fa notare questo utente della rete, Trudeau è più alto del suo padre ufficiale. Più o meno è alto come Fidel. E questo è già un punto.

E poi, buon dio, sono identici. Trudeau è un Castro moderno, più fresco e palestrato. Ma aggiungetegli la barba, un cappello militare e un’aria truce: è subito Cuba libre.

Come se non bastasse, la certezza arriva qui: la famiglia canadese aveva incontrato Fidel in un viaggio a Cuba nel 1976. E, a quanto pare, la madre Margaret era molto annoiata da tutta la burocrazia, le parate, le misure ufficiali. Ma trovò affascinante il sig. Castro. La cosa fu reciproca? C’è da pensarlo: Castro, a una cena con Pierre Trudeau e altri ufficiali, fu molto scontento per l’assenza della donna. Insomma, era amore.

Può darsi. Il problema è che Justin Trudeau è nato nel 1971, e l’incontro fu nel 1976. Era già nato, ed era anche già cresciutello. Ma si può dire che anche i canadesi, insomma, hanno trovato il loro Bruno Vespa.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta