Quanto sei vicino a una testata atomica?

Più di quanto credi. Se ne trovano in Italia e in Europa in generale, in America e in Russia. In Medioriente abbondano, mentre nell’emisfero australe non se ne trova mezza

In questi tempi esplosivi, l’uomo saggio sa cosa fare: informarsi. In particolare, scoprire dove sono le bombe nucleari più vicine, in modo da saper correre ai ripari se la situazione dovesse precipitare. Ebbene, le notizie non sono molto buone, almeno per chi vive nell’emisfero boreale. Qui le bombe nucleari sono diffusissime e disponibili in vari Paesi. Le si trova negli States, come è ovvio, in Israele e in Russia. Ma quello che forse non tutti sanno è che sono anche in Europa. Anche in Italia.

Eh sì: l’uomo saggio che teme tempi esplosivi deve sapere, se non sa già, che nelle basi Nato di Aviano e di Ghedi, cioè in Friuli Venezia Giulia e in Lombardia, ci sono testate atomiche. Sono quelle della Nato, cioè “armi nucleari tattiche”, di proprietà degli Stati Uniti ma, con gentilezza, distribuite in altri sei Paesi del Patto Atlantico. Le ha messe a disposizione per garantire, in caso di attacco nemico (la Russia, allora come oggi), una pronta risposta. Certo, non possono essere azionate a piacimento: occorre conoscere i codici, e quelli – come è ovvio – li possiedono gli Stati Uniti (non sia mai che la Turchia, ad esempio, non ne approfitti per sparare armi atomiche contro gli stessi Stati Uniti).

I Paesi che ospitano le testate, oltre all’Italia e alla Turchia, sono il Canada, il Belgio, la Germania e l’Olanda. Per cui l’italiano del nord che teme le situazioni esplosive, farebbe bene a trasferirsi. Al sud, senza dubbio. Ma meglio ancora nell’emisfero sud, dove di bombe nucleari non v’è traccia.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta