Referendum, ma cosa succede se c’è un pareggio?

È un risultato inverosimile, ma per logica non impossibile. Comunque non c’è da preoccuparsi: la legge parla chiaro e la soluzione è agevole

Basta un sì, dice Matteo Renzi. Ma serve un no, gli rispondono gli avversari. I due fronti si fronteggiano, le armate si armano, i votanti votano. Ma cosa succede se, alla fine, tra tutti i sì che bastano e tutti i no che servono, si raggiunge la totale parità? Non c’è il quorum, non ci sono delegati da mandare a Washington. E ci sono 5 milioni esatti da una parte e 5 milioni esatta dall’altra. Che si fa?

Come è ovvio, è un caso teorico e molto inverosimile. Ma, non essendo impossibile, è regolato. Sulla questione i legislatori sono molto chiari: se c’è parità, il quesito referendario deve essere bocciato. Lo dice lasciando poco spazio al dubbio il testo stesso della Costituzione, all’articolo 138:

“...La legge sottoposta a referendum non è promulgata, se non è approvata dalla maggioranza dei voti validi”. Se è vero che Brexit means Brexit, anche maggioranza means maggioranza.

Insomma, in caso di parità, cioè se i voti a favore della riforma si fermano al 50%, vince il No. È logico: se restano alla pari, vuol dire che la legge non ha raggiunto il requisito necessario, anche solo di un soffio.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta