L’inutile esercizio di annunciare la recessione

Dire, come hanno fatto gli economisti contattati dal Wsj, che c’è il 60% di possibilità che entro quattro anni ci sia una recessione è un esercizio senza alcuna utilità. In generale le previsioni economiche sono simili a quelle meteorologiche di lunga durata

In un recente sondaggio del Wall Street Journal, gli economisti sentiti hanno sancito che c’è una probabilità del 60% che una nuova recessione arrivi entro quattro anni. Ha qualche significato questa previsione? No, dato che nel secolo scorso ci sono state 20 recessioni, in media una ogni cinque anni. Sarebbe molto più utile sapere se ci sia un rischio immediato, ma gli economisti non sono riusciti a prevedere, quasi senza eccezioni, le ultime tre recessioni. Molti neppure dopo l’inizio delle recessioni stesse.

Le previsioni economiche, che riguardino la recessione o meno, sono poco più di una perdita di tempo: ci ricordano soltanto che ci saranno momenti in cui, usando un esempio meteorologico, il tempo sarà bello ed altri in cui sarà brutto. Ma non possiamo sapere esattamente quando arriveranno.

Cosa fare quindi? Non bisogna affidarsi a sfere di cristallo né alle affermazioni dei “guru” della finanza: definite i vostri obiettivi di investimento e seguite un metodo per poterli raggiungere, senza farvi condizionare dall’emotività o dalle mode del momento.

Continua a leggere su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta