Inflazione e tassi bassi: il conto corrente non conviene più

Con i prezzi dei beni e servizi che tornano a salire, tenere gran parte dei propri risparmi depositati in banca non è la scelta migliore per difenderli

In Europa, nonostante gli indicatori indicano che le aspettative per l’inflazione stiano crescendo, la convinzione è che i tassi di interesse resteranno per il momento ancora bassi. Prima o poi la Bce li aumenterà, ma molti segnali dicono che il loro livello non tornerà ad essere quello di prima entro un orizzonte di tempo rilevante. Per questo tenere i risparmi nel conto corrente è oggi una scelta che non permette di difenderli in maniera ottimale. Se si hanno gran parte delle disponibilità depositate in banca, i ritorni che si ricevono compensano a malapena l’effetto dell’inflazione, che nel frattempo è tornata a salire anche da noi.

Continua a leggere su MoneyFarm

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta