Terremoto di magnitudo 7.1 devasta il Messico

Colpita Città del Messico. Migliaia di persone in strada. Crolla una scuola. Bimbi e insegnanti morti

Un terremoto violentissimo, di magnitudo 7.1, ha colpito ieri (alle 13:30 locali, le 20:30 in Italia) il centro del Messico. L’epicentro del sisma si trova nella regione di Puebla, a 50 km di profondità. I morti sarebbero circa 200 ma Ma per la United States Geological Survey (Usgs) il bilancio potrebbe superare le mille vittime. Città del Messico (20 milioni di abitanti) è stata duramente colpita dal sisma. Migliaia di persone in strada. Otto bambini sono rimasti vittime del crollo di una scuola.
Miguel Angel Mancera, sindaco della città, ha fatto sapere che circa 4 milioni di persone si trovano senza corrente elettrica. Il traffico aereo verso l’aeroporto internazionale, distante 123 chilometri dall’epicentro, è stato bloccato dopo il sisma. Colpito lo stadio Azteca. Il bilancio dei morti non è ancora chiaro.
Il sisma ha colpito anche Puebla, Chipalcingo, Oaxaca, Morelia, Colima, Guadalajara

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020