Fuga dai bond, ora gli italiani investono in fondi e polizze

La quota degli investimenti in obbligazioni è scesa in cinque anni dal 52 al 42 per cento. Secondo Prometeia alla fine del 2019 i prodotti gestiti costituiranno un terzo del portafoglio di investimenti finanziari delle famiglie

(Skitterphoto / Pixabay)

Le crisi bancarie e i bassi rendimenti dei titoli obbligazionari pubblici (Bot, Btp, Cct) hanno cambiato i connotati del risparmio degli italiani. Come fotogra un’indagine di Prometeia, dal 2014 i nostri connazionali hanno investito più di 300 miliardi di euro in prodotti gestiti (Fondi comuni, Gpi, Polizze vita e Fondi pensione). Tale incremento è avvenuto a discapito degli investimenti in titoli di debito (pubblici e bancari). Secondo la società di ricerca e consulenza, alla fine del 2019 ben un terzo del portafoglio di investimenti finanziari delle famiglie sarà costituito dai prodotti gestiti. Approfondimenti e grafici su Risparmiamocelo.it.

(…)

Continua a leggere su Risparmiamocelo.it

Gli italiani stanno andando verso i prodotti gestiti per almeno tre motivi: la volontà di diversificare, la necessità di ridurre i rischi di singoli investimenti e la possibilità di ottenere vantaggi fiscali sulla scia della recente introduzione dei Pir

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta