Mifid 2, ecco tutti i costi che ora gli investitori potranno conoscere

Con la Mifid 2 dal gennaio 2018 sarà aumentata la trasparenza sui costi dell’investimento, operativi, contrattuali e accessori. Per i consumatori è un’arma in più ma senza l’educazione finanziaria non sarà sufficiente

(OliverKepka/Pixabay)

Benvenuta Mifid2. La nuova direttiva europea a favore dei piccoli risparmiatori entrerà in vigore dal 3 gennaio 2018. Sono molte le novità che introduce. Prevede ad esempio una corrispondenza tra preparazione del cliente e prodotto sottoscritto. Dà risalto alla consulenza indipendente. Ma soprattutto preve maggiore trasparenza sui costi degli investimenti, sia ex-ante che ex-post. I clienti potranno conoscere, e confrontare, le varie tipologie di costi sostenuti: quelli dell’investimento, quelli operativi, quelli accessori e quelli contrattuali. Sarà un passo avanti verso la trasparenza. A fare la differenza sarà però ancora una volta l’educazione finanziaria.

(…)

Continua a leggere su Risparmiamocelo.it

La Mifid 2 è un’arma molto potente nelle mani dei consumatori, che potranno tutelarsi dai costi eccessivi applicati dagli intermediari

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta