Occhio alla Norvegia: una bolla immobiliare è in agguato

Un report di Moody’s mette in guardia: quando i prezzi delle case salgono molto e non c’è un aumento anche della domanda di affitti c’è il rischio di una bolla immobiliare. Norvegia, Belgio, Germania e Francia sono i Paesi potenzialmente più esposti

(foto: rihaij / Pixabay)

Sono passati dieci anni dalla crisi dei mutui subprime: una bolla immobiliare che innescò la grande crisi finanziaria che investì Stati Uniti e poi quasi tutto il mondo. Oggi ci sono dei segnali da non sottovalutare, sempre legati al mercato immobiliare. Il faro è stato acceso dall’agenzia di rating Moody’s, che in un’analisi ha messo ai raggi X i prezzi delle case nei 20 Paesi più sviluppati. L’agenzia è andata in particolare a guardare i prezzi delle case e la domanda di affitti. Quando i primi crescono molto e la seconda no, si ha un rischio di bolla.

(…)

Continua a leggere su Risparmiamocelo.it

I Paesi potenzialmente più esposti, cioè quelli in cui i prezzi sono lontani dal punto di equilibrio ideale, sono Norvegia, Belgio, Germania e Francia.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta