La stangata sulle bollette? Dimostra che le authority non servono più a nulla

Dovrebbero tutelare i consumatori, ma in realtà coprono solo le spalle agli interessi di fornitori molto potenti. E così ogni anno scatta la raffica di rincari per energia, gas, pedaggi autostradali e le famiglie lasciate sole

A ogni inizio anno, puntuale come una cartella esattoriale, arriva la stangata degli aumenti delle bollette. Luce: più 5 per cento. Gas: più 5,5 per cento. Pedaggi autostradali: un ritocco medio del 2,7 per cento, con punte fino al 13 per cento per percorsi come la Roma-L’Aquila e la Milano Serravalle. Quanto a capire la logica di questi aumenti, non provateci neanche, è tempo sprecato. Una volta ci vengono a dire che il petrolio è sceso ma gli oneri di sistema sono aumentati, in un’altra occasione ci parlano dei costi di rifornimento del gas, e sulle autostrade c’è sempre qualche spesa extra, per lavori in corso, da coprire.

Continua a leggere su Nonsprecare

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta