Tornano le badanti italiane, e la maggioranza lavora in nero

Le donne italiane che lavorano come badanti sono più che raddoppiate in meno di dieci anni. Ma il lavoro viene svolto sempre più spesso in nero, con tariffe sempre più basse e senza coperture assicurative e previdenziali

Torniamo a fare le colf e i badanti. Mestieri ritenuti scomodi, che avevamo completamente trasferito agli stranieri e che adesso rimbalzano all’orizzonte delle domande di lavoro italiane. Le donne, italiane appunto, che lavorano come colf e badanti sono più che raddoppiate in meno di dieci anni. Continuiamo a farci aiutare nei lavori domestici e nell’assistenza agli anziani da personale dell’est (era arrivato fino al 74 per cento del totale, adesso siamo al 60 per cento), e asiatico (7,5 per cento), ma la vera novità sottolineata dalla ricerca annuale della Fondazione Leone Moressa è il ritorno delle italiane.

Continua a leggere su Non Sprecare

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta