Le buche a Roma si possono riparare solo con i soldi dei privati

Il conto è di almeno 8 miliardi, il comune non li avrà mai. Denaro che invece può arrivare da grandi aziende pubbliche, ricchi cittadini e crowdfunding

SPENCER PLATT / GETTY IMAGES NORTH AMERICA / AFP

Non passa giorno senza che il bollettino di Roma città-groviera si aggiorni. Secondo il Comune le buche sarebbero non meno di 50mila, e stando al Rapporto dell’Ispra dall’inizio dell’anno se ne sono aperte altre 44, una ogni due giorni. Con 250mila romani che vivono in zone a rischio alluvione, in una superficie pari a oltre mille ettari della capitale, e si muovono su una rete stradale di 5.500 chilometri.

A fronte di questa situazione, che risale ad anni di incuria, di zero manutenzione e di corruzione negli appalti per il manto stradale, ci sono i soldi da investire per rimettere a posto almeno le aree più danneggiate. Non meno di 8 miliardi di euro. Se vogliamo essere onesti con noi stessi e con tutti i cittadini: nessun sindaco di Roma, da solo, è in grado di affrontare un’emergenza così grave. Dunque, diventa solo demagogia prendersela con in sindaco di turno, in questo caso Virginia Raggi. Questi soldi non ci sono e non si saranno mai.

Continua a leggere su Nonsprecare

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta