Altro che bot e cct, se vuoi investire bene punta al risparmio gestito

I tempi dei rendimenti record dei buoni fruttiferi postali sono lontani, e investire la liquidità in eccesso è diventato un rebus per milioni di risparmiatori. Eppure, una soluzione per far fruttare i risparmi c'è. Basta imparare a conoscerla

Sono lontani i tempi in cui bastava comprare un buono fruttifero postale per avere la sicurezza di un investimento sicuro e senza rischi. Tempi in cui l’inflazione era molto più alta, ma anche il rendimento dei buoni stava al passo, rivelandosi un eccellenete modo per investire i nostri contanti. Esente da ritenute fiscali, il buno postale offriva un rendimento del 100% in 5 anni. Del 200% prolungandolo di altri 3 anni.

Una vera e propria giostra dei rendimenti. Cifre inimmaginibili per tempi per i nostri giorni, in cui capire dove investire la liquidità in eccesso è diventato una domanda (apparentemente) senza risposta per milioni di risparmiatori.

Eppure, anche oggi ci sono buoni modi per investire in modo redditizio la propria liquidità.

Continua a leggere su Risparmiamocelo.it

Sono lontani i tempi in cui bastava comprare un buono fruttifero postale per avere la sicurezza di un investimento sicuro e senza rischi

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta