Ecco perché investire in buoni fruttiferi postali è una strategia perdente

Buoni fruttiferi e libretti postali sono i prodotti più conosciuti dagli italiani. Ma convengono ancora? Tra tasse e inflazione, diversi fattori mettono in crisi il mito del rendimento assicurato. Una guida alla scelta e qualche soluzione alternativa

Ventisei milioni di italiani ne hanno sottoscritto almeno uno nella vita. I buoni fruttiferi e i libretti postali sono – da tempo – tra i prodotti di risparmio più conosciuto dagli italiani.

Ultimamente però, anche a causa di una campagna pubblicitaria, la loro popolarità ha attirato critiche.

Continua a leggere su Risparmiamocelo.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta