Meglio sole che male accompagnate: ecco perché sempre più donne italiane scelgono di viaggiare per conto proprio

Giovani, istruite e con tanta voglia di libertà, senza l'obbligo di condividere il proprio spazio con altri. Sempre più donne italiane scelgono le vacanze in solitaria. I vantaggi non mancano

Sono più di mezzo milione, e crescono con un ritmo a due cifre: donne italiane che, appena arrivano le vacanze, prendono la decisione più semplice ma anche più dirompente della loro vita familiare.Viaggiare da sole. Libere da un marito, da un compagno, dai figli, dai genitori e dai suoceri.

Una scelta di libertà che riguarda in particolare le donne più giovani: la media delle viaggiatrici single è infatti di 32 anni, con un buon livello di istruzione (il 73 per cento sono laureate), di conoscenza delle lingue (l’83 per cento ne parla almeno una oltre l’italiano) e della navigazione online (il 96 per cento cerca notizie per organizzare il viaggio sul web e il 61 per cento poi racconta la propria esperienza sul web).

Continua a leggere su Nonsprecare.it

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta